Controllare la densità ossea come viene chiamata

Con l'età, la struttura ossea diventa fragile e fragile, la demineralizzazione scheletrica si verifica, cioè, nel corso degli anni, l'osteoporosi si insinua silenziosamente. La bassa densità ossea è riconosciuta come un importante fattore di rischio associato all'osteoporosi, così come la pressione sanguigna oi livelli di colesterolo sono considerati stimolanti riconosciuti delle malattie cardiovascolari.

Alcuni anni fa, la diagnosi di osteoporosi si basava su anamnesi, radiografie e sintomi clinici (la storia delle fratture giocava un ruolo particolarmente importante nel confermare la diagnosi), cioè la diagnosi veniva fatta quando la malattia era già avanzata. Oggi, con l'avvento delle tecniche moderne, la situazione è cambiata, la diagnosi di osteoporosi può essere fatta nella fase iniziale, quando i sintomi sono ancora assenti ed è possibile affrontare efficacemente la patologia.

I pazienti coscienti hanno da tempo compreso il significato clinico di queste misurazioni. I metodi di osteodensitometria sono convenienti, veloci e hanno risultati affidabili. Semplificano notevolmente la diagnosi e la valutazione del progresso della malattia.

In primo luogo nella diagnosi dell'osteoporosi arriva la misurazione della densità ossea - DXA (densitometria a raggi X a doppia energia). Perché questa ricerca è così rilevante? Ecco alcuni dei suoi vantaggi:

  • diagnosi precoce;
  • la capacità di evitare le fratture in prospettiva;
  • la capacità di seguire i risultati del trattamento in dinamica, perché grazie ai moderni metodi di trattamento, è possibile aumentare la massa ossea.

Indicazioni per l'osteodensitometria

In conformità con le principali indicazioni del Fondo nazionale per l'osteoporosi (NOF, USA), si raccomandano misure:

  • tutte le donne di età pari o superiore a 65 anni (indipendentemente da altri fattori di rischio);
  • tutte le donne in postmenopausa con fratture;
  • tutte le donne che decidono di iniziare il trattamento dell'osteoporosi e la loro decisione finale dipendono dal risultato dell'osteodensitometria;
  • tutte le donne che hanno avuto una terapia ormonale da molto tempo.

Inoltre, l'osteodensitometria è assegnata a:

  • con diminuzione della dimensione corporea associata all'età;
  • con mal di schiena di origine sconosciuta;
  • fumatori e fumatori sottili;
  • persone con fratture iniziali;
  • pazienti con problemi articolari con mobilità limitata;
  • con l'uso a lungo termine della terapia (più di 6 mesi) con l'uso di farmaci che sono dannosi per le ossa, come: corticosteroidi, farmaci markumari o antiepilettici;
  • nell'ipertiroidismo e nell'iperparatiroidismo (o iperfunzione tiroidea o iperfunzione paratiroidea);
  • pazienti trapiantati;
  • nelle malattie croniche del tratto gastrointestinale e nelle operazioni nell'area gastroenterologica;
  • con anoressia nervosa (esaurimento);
  • in insufficienza renale cronica.

Misurare la densità ossea usando il metodo DXA è l'unico metodo affidabile per documentare gli effetti della terapia dell'osteoporosi. La misurazione annuale mostra un decorso positivo o negativo della malattia. Questa tecnica rapida determina l'insorgenza dell'osteoporosi, quando con l'aiuto di interventi mirati è possibile prevenire la progressione di una malattia grave.

DXA - Assorbimento a raggi X a doppia energia

DXA è il metodo di misurazione e previsione più utilizzato e ampiamente utilizzato. L'osteodensitometria consente di determinare la diagnosi prima che si verifichi una frattura ossea. Il metodo DXA è raccomandato per l'uso da parte dell'OMS, è considerato uno standard globale per la misurazione della densità ossea. Permette di trarre conclusioni sullo stato minerale delle ossa e su indicatori comparativi della densità delle diverse aree dello scheletro. Il contenuto minerale determina la forza e la densità delle ossa. Il metodo DXA è il metodo più comune, poiché l'effetto della radiazione a raggi X è basso. Lo studio stesso dura solo pochi minuti.

Perché devo misurare la densità ossea?

L'unico modo per fare una diagnosi precoce dell'osteoporosi, cioè prima dell'inizio delle fratture e di un'altra clinica, è una misurazione quantitativa della densità ossea. La misurazione della densità ossea della BMD consente di analizzare la densità ossea in varie aree dello scheletro e di valutare il rischio di possibili fratture. L'efficacia del metodo è dimostrata dai risultati di molti studi. Una diminuzione della densità ossea di appena il 10% raddoppia il rischio di fratture nella colonna vertebrale, tre volte nel collo della coscia. Se si sono già verificate delle fratture, questa misurazione viene eseguita per confermare la diagnosi di osteoporosi e determinare il grado di usura ossea nello scheletro assiale.

La misurazione della densità ossea fornisce le seguenti informazioni:

  • l'osteoporosi o l'osteopenia possono essere identificati anche prima della comparsa di fratture;
  • il risultato consente di prevedere il rischio di osteoporosi manifesta tardiva;
  • il risultato indica il tasso di perdita ossea ("progressione").
  • documenta l'efficacia del trattamento.

La relazione tra BMD e rischio di fratture è ben documentata. La relazione tra la densità ossea (misurata all'articolazione pelvica e nella colonna lombosacrale) e le fratture del collo femorale sono tre volte più evidenti rispetto alla relazione tra colesterolo nel sangue e infarto.

Metodi di misurazione

L'affidabilità e l'accuratezza del metodo dipendono da:

  • tipo di dispositivo;
  • calibrazione phantom regolare (giornaliera);
  • cooperazione con il soggetto (è importante mantenere il paziente calmo durante la misurazione)
  • setup accurato e riproducibile da parte del ricercatore
  • stadio dell'osteoporosi (minore è la densità ossea, minore è la precisione della misurazione).

Per identificare la malattia usando i seguenti metodi:

  • Raggi X;
  • ultrasuoni;
  • CCV (tomografia computerizzata quantitativa);
  • DHA;
  • MRI

Soffermiamoci brevemente su ciascuno di essi.

A raggi X

I raggi X rivelano un'osteoporosi evidente, cioè quando si perde un terzo della massa ossea. Pertanto, oggi questa tecnica non è rilevante.

CCP

La tecnica viene applicata nel caso in cui il DHA non sia pratico. Il vantaggio dello studio è l'accuratezza della misurazione e la capacità di ottenere un'immagine tridimensionale. Ma l'esposizione alle radiazioni è così alta da essere raramente prescritta.

Densitometria ossea periferica.

Il sito di studio è il polso e il calcagno. Nei luoghi più vulnerabili alle fratture, la densità non può essere misurata. Un dispositivo di piccole dimensioni può trovarsi nello studio del medico, l'esposizione alle radiazioni è minima. Di solito è usato come screening per la diagnosi precoce della malattia.

ultrasuono

Questa tecnica valuta il rischio di frattura, identificando le aree a bassa densità nello scheletro periferico mediante fasci di ultrasuoni. L'oggetto dello studio sono di solito il calcagno, le dita, la rotula. Ma fare una diagnosi basata su questo studio è impossibile.

DXA

DXA - assorbimetria a raggi X a doppia energia, chiamata anche DEXA, DXA, meno spesso QDR, DPX, DER - in questo caso stiamo parlando del metodo di misurazione più popolare e più avanzato, lo "standard d'oro" nel mondo e in tutte le ricerche internazionali. Il metodo DAX è apparso negli anni '80 in Giappone, la sua applicazione globale è iniziata nel 1988. Due fasci di energia con diversa intensità sono diretti attraverso lo scheletro. In base alla quantità di radiazioni che penetra attraverso le ossa, è possibile eseguire calcoli sulla densità ossea. Sulla base di misurazioni che utilizzano due raggi con diversi valori di energia, è possibile calcolare la quantità di assorbimento dovuta alla densità ossea ed eliminarla. Durante lo studio vengono eseguite le misurazioni della colonna vertebrale lombare e dell'articolazione dell'anca (destra e / o sinistra). Un nuovo metodo promettente è la tecnologia di misurazione DXA con supporto laser, le misurazioni sono eseguite sul tallone. Nel frattempo, è ora possibile un'analisi generale della massa ossea ("scanner del corpo DXA"). All'interno delle aree determinate automaticamente, vengono eseguiti i calcoli del contenuto di minerali sull'area (g / cm2). Queste misurazioni riguardano non solo il corpo delle vertebre, ma anche i loro archi e i processi spinosi, che contengono quantità significative di materia ossea densa. L'International Society of Clinical Densitometry (ISCD) raccomanda la misurazione di almeno due aree dello scheletro, con la diagnosi determinata da un criterio T più basso. Nell'area della colonna vertebrale la misurazione viene eseguita da L1 a L4.

Il metodo DXA presenta i seguenti vantaggi:

  • metodo non invasivo;
  • la ricerca con strumenti moderni viene eseguita molto rapidamente (5-10 minuti) e, grazie alla nuova tecnologia dell'impulso laser, la misurazione dura solo 1-2 secondi;
  • la ricerca è conveniente;
  • non crea un carico di radiazioni sul paziente - l'esposizione alle radiazioni è molto piccola. 13m Rem (millibar), rispettivamente, solo 1 / 10-1 / 100 della dose normale di radiazioni a raggi X. La dose di radiazioni della nuova tecnologia dell'impulso laser è

Controllare la densità ossea

Diagnosi dell'osteoporosi: come va?

Per il trattamento delle articolazioni, i nostri lettori usano con successo Artrade. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
Leggi di più qui...

L'osteoporosi è una malattia delle ossa caratterizzata da una diminuzione della loro densità. Per identificare la patologia del paziente, è necessario sottoporsi a una serie di studi diagnostici che sono prescritti da un traumatologo ortopedico. Considerare come la diagnosi di osteoporosi.

Diagnosi dell'osteoporosi

Per identificare una malattia così nascosta, vengono utilizzate le seguenti tecniche diagnostiche:

  • L'esame clinico è effettuato;
  • Nominato dalla diagnostica hardware;
  • Vengono eseguiti test di laboratorio;
  • La predisposizione di una persona alla malattia viene studiata utilizzando metodi di esame genetico.

Tutti i suddetti tipi di ricerca e diagnostica dell'osteoporosi mirano principalmente a identificare i processi che causano una diminuzione della densità minerale del tessuto osseo.

Come si svolge l'esame clinico

Segni di osteoporosi possono essere rivelati da un medico generico durante l'esame iniziale. La presenza della malattia durante la diagnosi sarà indicata da una riduzione dell'altezza di una persona, da cambiamenti cifosi nel petto e da lamentele dei pazienti sul dolore nell'area posteriore.

Chi è a rischio?

  • Le donne con menopausa precoce;
  • Persone che hanno una predisposizione genetica, che è ereditata;
  • Pazienti con fratture troppo frequenti degli arti;
  • Le persone con un deficit di massa corporea di oltre 20 kg.

Ai pazienti nei quali il terapeuta ha identificato almeno uno dei segni durante la diagnosi vengono assegnati ulteriori studi. Spesso la fase tardiva della malattia può essere erogata solo con la partecipazione di un traumatologo.

Metodi di studi diagnostici

È estremamente importante identificare i difetti nelle prime fasi della malattia. A tale scopo vengono utilizzati diversi metodi per la diagnosi dell'osteoporosi.

Lo specialista può fare riferimento ai seguenti studi:

  • Esame ecografico;
  • Assorbtiometria mono e biphoton;
  • Procedure per la tomografia computerizzata quantitativa;
  • Esami del sangue di laboratorio per la biochimica;
  • Campionamento genetico del materiale osseo per la diagnosi.

Esame ecografico

Lo studio della componente minerale delle ossa con l'uso di onde ultrasoniche durante la diagnosi aiuta a determinare quali aree hanno una densità tissutale ridotta. Un tale studio sulla rilevazione dell'osteoporosi si basa sulla riflessione dei flussi di ultrasuoni dagli organi più densi.

L'uso di apparecchi con ultrasuoni nella diagnosi clinica consente di valutare correttamente tutte le proprietà meccaniche del tessuto osseo umano. La forza e l'elasticità vengono visualizzate nella struttura iperecogena durante l'imaging.

Questa raccomandazione è rivolta principalmente a persone che hanno 40 anni o più. In pratica, le donne hanno maggiori probabilità di soffrire di questa malattia, e proprio per questo motivo hanno bisogno di visitare un chirurgo ortopedico almeno una volta ogni cinque anni.

Radiodensitometriya

Una diagnosi più accurata dell'osteoporosi può essere fatta al paziente durante l'esame di alcune parti dello scheletro utilizzando l'assorbimetria bienergica. Questo tipo di diagnosi è la migliore. L'assorbimetria a raggi X a due energie è finalizzata alla determinazione della BMD. Le misure diagnostiche vengono eseguite per l'intero scheletro, così come per singole vertebre, siti accoppiati o una specie di osso singolo. Un dispositivo speciale confronta l'immagine risultante con i parametri di riferimento e fornisce i valori di T e Z.

Nel caso in cui un paziente con una storia di un paziente abbia una frattura con una T inferiore a -2,5, il grado di osteoporosi è definito grave. Una diminuzione dell'indice BMD di almeno una unità molte volte aumenta il rischio di probabilità di una frattura ricorrente. Lo standard per Z è uno.

Diagnostica aggiuntiva può essere assegnata in caso di rilevamento di deviazioni significative dell'indice Z, in alto o in basso. Se le misurazioni vengono effettuate in diversi siti contemporaneamente, è necessario prestare attenzione agli indicatori peggiori.

Quando la perdita ossea è compromessa, quasi l'intero scheletro è interessato, anche se ciò avviene in modo non uniforme. L'indicatore BMD è rilevato in luoghi che sono più sensibili alle fratture, vale a dire:

  • Nelle vertebre del tratto lombare e pelvico;
  • Nel collo della coscia;
  • Nella regione distale dell'avambraccio.

Allo stesso tempo, le donne che sono in uno stato di postmenopausa saranno valutate nel processo di diagnosi dalla condizione delle vertebre, e i pazienti più anziani rispetto agli uomini di età pari o superiore a 55 anni saranno misurati con la BMD nel femore prossimale.

Metodo DXA

Questo studio è prescritto ai fini della diagnosi primaria e della valutazione dell'efficacia degli interventi terapeutici. La ri-diagnosi dell'osteoporosi dovrà passare non prima di un anno. I miei pazienti usano uno strumento collaudato, attraverso il quale puoi liberarti del dolore in 2 settimane senza molto sforzo.

L'esame è assolutamente sicuro per la salute umana, poiché l'intensità dell'esposizione alle onde radio è molto inferiore rispetto a una normale radiografia quasi 500 volte. Ma ci sono anche controindicazioni a questa procedura. L'esame è severamente vietato alle donne in gravidanza e in allattamento.

Per passare la diagnostica DXA non è richiesto un addestramento speciale. Per risultati più veritieri, non è consigliabile assumere preparazioni contenenti calcio alla vigilia dell'esame.

Lo specialista che conduce lo studio deve anche riferire su esami precedenti utilizzando il bario. Dopo la scansione della sezione necessaria dello scheletro, il paziente riceverà le immagini scattate e la conclusione del medico. Questo studio diagnostico DXA ha mostrato non tutti. Un determinato gruppo di persone è soggetto a una serie di restrizioni che possono essere compensate passando esami di laboratorio più approfonditi.

Metodo di densitometria CT

Con l'aiuto di un esame tomografico computerizzato dello scheletro, è possibile identificare e identificare aree con ridotta ecogenicità del tessuto, nonché ottenere un'immagine della componente anatomica di una o un'altra area dello scheletro umano in una proiezione tridimensionale. Grazie a questo metodo di diagnosi dell'osteoporosi, è possibile studiare più dettagliatamente la struttura trabecolare dell'osso umano.

Per eseguire l'esame del paziente utilizzando la tomografia computerizzata, viene utilizzato uno scanner periferico con un raggio sottile. È questo strumento diagnostico che consente di determinare qual è la composizione minerale del tessuto osseo. L'analisi di questo tipo si chiama densitometria CT e aiuta a determinare il luogo di insorgenza della patologia nella composizione del minerale contenente sostanze ossee.

Diagnosi di laboratorio dell'osteoporosi

Non è sempre possibile determinare visivamente per quali ragioni il paziente perde massa ossea e la sua crescita rallenta significativamente. Al fine di diagnosticare con precisione l'osteoporosi e prescrivere un trattamento adeguato può essere necessario condurre una serie di test di laboratorio. Il più importante di questi è il test del sangue biochimico.

Cosa può dare:

  • Ti aiuterà a capire che tipo di misure preventive dovrebbero essere assegnate al paziente nell'identificare i disordini metabolici e il riassorbimento tissutale;
  • Con esso, sarà possibile prevedere a quale velocità il paziente perderà la massa ossea;
  • Aiuterà a valutare l'efficacia degli interventi terapeutici.

È in questa fase di ricerca della diagnosi che il terapeuta deve escludere la presenza di osteomalacia, metastasi ossee e stabilire le specifiche caratteristiche metaboliche del paziente.

Test genetici per l'osteoporosi

Identificare le cause dell'osteoporosi a livello genetico molecolare è un modo molto costoso e difficile di ricerca. La diagnostica viene eseguita solo in laboratori medici dotati di attrezzature speciali ad alta tecnologia. Nel corso della ricerca, rivelano quali geni erano suscettibili alle mutazioni e hanno causato una diminuzione della densità tissutale. Spesso, non solo le mutazioni causano la malattia. La loro presenza è solo un segno dell'osteoporosi e il problema è nascosto in qualcos'altro.

Al minimo segno dell'osteoporosi, non si dovrebbe esitare a visitare un istituto medico e cercare una diagnosi. Sii sano

Tutte le malattie degenerative dello scheletro differiscono nella caratteristica principale - una volta che si presentano, progrediranno solo nel tempo. Questa disposizione si applica a una delle malattie più comuni - piede piatto longitudinale. Le radici di questa malattia di solito si trovano nell'infanzia, ma a tutta forza si manifesta solo dopo dieci o più anni.

In questo periodo di tempo, la patologia procede piuttosto nascosta, spesso rimanendo inosservata dai pazienti stessi. I medici con i piedi piatti sono trattati negli ultimi stadi della malattia, quando si sviluppano cambiamenti irreversibili nelle ossa e nei tessuti molli del fornice. Pertanto, uno degli elementi di prevenzione delle malattie è la diagnosi di piede piatto in una fase iniziale di sviluppo. In questo periodo, la malattia è facilmente suscettibile di correzione, che impedisce la formazione di complicazioni persistenti.

Ma come determinare il flatfoot a casa? Nella pratica medica, ci sono stati a lungo metodi per controllare rapidamente lo stato dell'arco del piede. Possono essere facilmente riprodotti a casa utilizzando semplici strumenti a portata di mano. Se con l'aiuto di loro è possibile identificare i segni di patologia, quindi si dovrebbe consultare immediatamente un medico per un ulteriore esame.

A casa

Oltre allo svolgimento mirato di test speciali, ci sono diverse situazioni in cui la loro condotta è giustificata. Naturalmente, il campionamento profilattico è persino il benvenuto per diagnosticare la malattia il prima possibile. Ma lo sviluppo dei seguenti segni dovrebbe avvisare la persona, spingendoli ad auto-esame:

  • Una diminuzione acuta o graduale della resistenza alla camminata lunga - dopo un'intera giornata "sui piedi" nella zona delle gambe e dei piedi, compaiono dolori pronunciati o fastidiosi. Il riposo e i trattamenti dell'acqua allo stesso tempo portano sollievo rimuovendo il disagio.
  • Incapacità di rimanere a lungo in piedi - dopo un po ', si sviluppa una sensazione di disagio negli arti inferiori. Questo fa sì che una persona passi regolarmente per ridurre il disagio.
  • Una forte estensione delle dita o alzare il piede verso l'alto diventa limitata, oltre che moderatamente dolorosa. Allo stesso tempo, nella zona di maggiore vincolo, c'è spesso una corda densa, determinata dalla palpazione.
  • Infine, una persona può notare in modo oggettivo un cambiamento nella forma di una stampa del piede. Questa situazione viene solitamente osservata dopo i trattamenti con acqua: l'impronta bagnata del piede rimane a terra o un pavimento liscio. Normalmente, ha un taglio significativo lungo il bordo interno, che diminuisce con i piedi piatti.

Al minimo sospetto della malattia, una persona dovrebbe condurre un esame completo e indipendente, consistente in una valutazione delle manifestazioni esterne e dei risultati di test speciali.

Dai sintomi

La diagnosi di piede piatto inizia con la determinazione dei segni caratteristici di questa malattia. Secondo le loro caratteristiche, erano divisi in 4 gradi, che corrispondono grosso modo alla gravità della patologia. Pertanto, è necessario condurre una valutazione competente dei propri reclami:

  • Il primo stadio è considerato nascosto - le sue manifestazioni praticamente non differiscono dai sintomi della stanchezza usuale. Periodicamente, dopo una lunga camminata (di sera), una sensazione di pesantezza o disagio appare nella sola area. Se senti i muscoli della parte inferiore della gamba, puoi rilevare la loro tensione.
  • Il secondo stadio della malattia è chiamato intermittente - i cambiamenti nell'arco del piede sono di natura temporanea durante il giorno. Nella seconda metà della giornata, appare e la sensazione di stanchezza nelle gambe inizia a crescere. Di sera, acquisisce il carattere di dolore dolorante, quando visto - il bordo interno della suola diventa edematoso. Al mattino, questi cambiamenti scompaiono completamente.
  • Il terzo grado significa la formazione di flatfoot resistente - i meccanismi di compensazione di legamenti e muscoli in questa fase sono già stati esauriti. I sintomi - gonfiore e dolore alle gambe e alle piante dei piedi, riduzione del bordo interno del piede - diventano positivi. Ridotta resistenza umana allo stress, che influenza le sue prestazioni.
  • Nella fase finale, il piede piatto è sviluppato - a causa della deformazione dei legamenti, devia gradualmente verso l'esterno. Ci sono dolori persistenti alle gambe quando si cammina nell'area della caviglia interna, zoppia, deformità delle articolazioni della caviglia e tendini di Achille.

Spesso, le fasi intermedie del piede piatto procedono inosservate dai pazienti, pertanto, anche in assenza di disturbi, si consiglia di eseguire i test preventivi elencati di seguito.

plantography

Questo metodo è il più semplice e comprensibile poiché include un componente creativo. La sua essenza risiede nella valutazione delle impronte di piedi, realizzate su un foglio di carta bianca. Ciò richiede i seguenti passaggi:

  • Per iniziare il test, è necessario prendere due fogli bianchi di carta A4, così come la vernice solubile in acqua (tempera, acquerello).
  • Usando un tampone morbido, la soluzione colorante viene applicata uniformemente sulla superficie plantare del piede.
  • Quindi si dovrebbe attendere qualche secondo, quindi fissare saldamente il piede su un pezzo di carta: è meglio farlo in posizione eretta.

Quando ottieni una stampa piatta, puoi iniziare a valutarla. Per fare ciò, su un pezzo di carta dal centro del bordo posteriore del tallone al bordo esterno del terzo dito del piede, una linea retta viene disegnata con un righello. Ti permette di dividere la suola in due parti: caricabile e libera. Un cambiamento nel loro rapporto è un segno di flatfoot:

  • Normalmente, la parte caricabile è molto meno della parte libera (rapporto di circa 1: 2) - il suo bordo interno è solo leggermente o per niente al di fuori dei confini della linea disegnata.
  • Il primo grado è caratterizzato da un aumento dell'arco del piede nella parte centrale - una pianta indica la sua espansione oltre la linea di divisione. Il rapporto tra gli elementi varia ed è approssimativamente 2: 3 a causa dell'appiattimento dell'arco.
  • Nella seconda fase, la parte caricabile si estende molto oltre i limiti della linea tracciata, separandosi con il bordo libero già lungo l'asse centrale del piede. In questa fase, la persona ha già già sintomi abbastanza evidenti.
  • Il piede piatto del terzo grado è difficile da non notare - l'impronta della suola acquisisce contorni completamente simmetrici. La linea concava del bordo interno dell'arco è completamente assente.

Se non ci sono colori o carta a casa, allora altri metodi basati sulla misurazione della distanza tra i singoli elementi del piede aiuteranno nella diagnosi del piede piatto.

podography

Questa tecnica implica una valutazione di due indicatori principali: l'altezza della volta e la sua lunghezza - formano un indice podometrico dopo i calcoli. Il suo calcolo è eseguito come segue:

  • Innanzitutto è necessario conoscere la lunghezza del piede in millimetri: è determinata utilizzando un righello o un nastro di misurazione morbido. Per questa distanza è presa una linea retta dalla punta del pollice al centro del bordo posteriore del tallone.
  • Quindi viene determinata l'altezza dell'arco - per questo, il righello viene posizionato vicino alla superficie interna del piede. Il valore è anche preso in millimetri dal pavimento al punto più alto.

Dopo aver ricevuto i dati, i calcoli vengono eseguiti in base alla seguente formula: l'altezza dell'arco viene moltiplicata per 100 ed è divisa per la lunghezza del piede. Il risultato delle misurazioni sono due opzioni:

  • Se la figura risulta essere compresa tra 29 e 31 (o più), la persona non ha piedi piatti.
  • Quando il valore è uscito meno di 29, allora possiamo parlare di una moderata diminuzione dell'arco.
  • Se il risultato risultasse inferiore a 27, questo è un segno affidabile dello sviluppo del piede piatto.

Questo metodo non consente di determinare in modo affidabile il grado della malattia, pertanto viene utilizzato solo in combinazione con altre opzioni diagnostiche.

Per il trattamento delle articolazioni, i nostri lettori usano con successo Artrade. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
Leggi di più qui...

Metodo clinico

Come determinare i piedi piatti se non c'è vernice o nastro di misurazione a casa? In questo caso, i metodi diagnostici originali basati sulla valutazione delle linee fisiologiche verranno in aiuto a una persona. Inoltre non permetteranno di determinare con precisione l'entità della malattia, ma darà l'opportunità di almeno sospettarlo:

  • La linea di fede è disegnata dalla parte superiore della caviglia interna alla testa del primo osso metatarso - un osso sporgente sul lato dell'alluce. Normalmente, va approssimativamente attraverso la metà dell'arco del piede. Con piedi piatti o moderati, si osserva il suo spostamento verso l'alto (verso la superficie posteriore), che è associato alla discesa della maggior parte delle ossa che formano il bordo interno.
  • Un'altra opzione prevede la costruzione di un triangolo: la caviglia interna, la testa del primo osso metatarsale e il bordo esterno del tallone diventano i punti in esso. Allo stesso tempo, si stima che due angoli - a livello del tallone e della caviglia - per i piedi piatti, siano meno di 60 e più di 95 gradi, rispettivamente.

Questi metodi nella casa sono raramente informativi, il che è associato ad errori nella loro implementazione indipendente.

Diagnostica medica

L'identificazione del piede piatto da parte di un medico viene effettuata di solito prendendo in considerazione i metodi sopra elencati. Ma il medico conosce molto meglio la loro tecnica e confronta anche i dati oggettivi con la descrizione delle manifestazioni ottenute dopo l'intervista. Spesso la malattia viene rilevata completamente per caso - durante gli esami medici preventivi.

Poiché il più delle volte la patologia si sviluppa durante l'adolescenza, gli sforzi dei medici mirano alla sua tempestiva individuazione e trattamento del piede piatto. Un medico esperto esamina semplicemente i piedi in una posizione diversa per sospettare il loro appiattimento. Pertanto, non ha più bisogno di condurre test speciali, e il paziente va immediatamente alla foto.

Metodo a raggi X.

Errori nell'esame esterno sono solitamente dovuti al diverso spessore dei tessuti molli in ciascun paziente. Ciò rende difficile l'uso di valori standard che forniscono una determinazione accurata della gravità del piede piatto. E sulla fotografia a raggi X tutte le formazioni anatomiche sono immediatamente visibili, che fungono da punti di riferimento nella valutazione degli angoli:

  • Per cominciare, di nuovo viene costruito un triangolo, nel quale ci sono dei punti standard: la sommità della collinetta calcaneale, la testa del primo osso metatarsale e il bordo inferiore dell'osso navicolare.
  • Viene valutato un solo angolo, situato nella parte superiore della figura. Normalmente, varia da 120 a 130 gradi.
  • Al primo grado di flatfoot, questo valore è ridotto a 140.
  • Il secondo stadio della malattia porta ad un'ulteriore diminuzione dell'altezza dell'arco plantare - in questo caso l'angolo superiore è compreso tra 140 e 155.
  • Grave flatfoot è accompagnato da un appiattimento significativo del triangolo - la cifra richiesta diventa più di 155 gradi.

Il valore ausiliario nello studio ha una definizione dell'altezza dell'arco del piede, che viene anche valutata sulla radiografia. Normalmente, la linea tracciata tra i punti più distanti è più di 35 millimetri. Con lo sviluppo della patologia osservata la sua progressiva riduzione.

Cos'è l'osteoporosi: cause, sintomi (segni) e trattamento della malattia ossea

  • Allevia il dolore e il gonfiore delle articolazioni di artrite e artrosi
  • Ripristina articolazioni e tessuti, efficaci nell'osteocondrosi

L'osteoporosi (degenerazione ossea) è una malattia progressiva in cui si verifica la distruzione della struttura ossea, la sua densità diminuisce e lo scheletro umano ne risente.

L'osteoporosi delle braccia, delle gambe e di altre ossa sconvolge la complessa architettura del tessuto osseo, diventa porosa e suscettibile alle fratture anche con uno stress minimo (vedi foto).

Tipi di osteoporosi

I tipi di osteoporosi sono:

  1. L'osteoporosi postmenopausale delle gambe si sviluppa a causa della mancanza di produzione di ormoni sessuali femminili durante la menopausa.
  2. L'osteoporosi senile è associata al deterioramento e all'invecchiamento del corpo nel suo complesso. La diminuzione della forza dello scheletro e la sua massa si verificano dopo 65 anni.
  3. La degenerazione ossea corticosteroidica deriva dall'uso prolungato di ormoni (glucocorticoidi).
  4. L'osteoporosi locale - è caratterizzata dalla presenza della malattia solo in un'area specifica.
  5. L'osteoporosi secondaria si sviluppa come complicanza del diabete, con patologie tumorali, malattie renali croniche, malattie polmonari, ipotiroidismo, ipertiroidismo, iperparatiroidismo, malattia di Bechterew, carenza di calcio, morbo di Crohn, epatite cronica, artrite reumatoide, uso a lungo termine di preparati di alluminio.

L'osteoporosi può essere 1, 2, 3 e 4 gradi. I primi due gradi sono considerati più leggeri e spesso passano inosservati. I sintomi dell'osteoporosi in questi casi sono difficili anche con i raggi X. I due gradi seguenti sono considerati pesanti. Se c'è una laurea, la disabilità è prescritta al 4 ° paziente.

Cause di degenerazione ossea delle gambe

Le cause della malattia sono poste nello squilibrio nella ricostruzione del tessuto osseo, che viene costantemente aggiornato. Cellule di osteoblasti e osteoclasti prendono parte a questo processo.

Uno di questi osteoclasti può distruggere la stessa quantità di massa ossea di 100 osteoblasti che si formano. Lacune ossee causate dall'attività osteoclasta in 10 giorni, gli osteoblasti saranno riempiti entro 80 giorni.

Per varie ragioni, con un aumento dell'attività degli osteoclasti, la distruzione del tessuto osseo avviene molto più rapidamente della sua formazione. Le placche perforate, assottigliate e trabecolari, aumentando la fragilità e la fragilità dell'osso, sono la distruzione delle connessioni orizzontali. Questo è pieno di frequenti fratture.

Fai attenzione! Il picco della massa ossea è normalmente rappresentato per 16 anni, la costruzione dell'osso prevale sul riassorbimento. All'età di 30 - 50 anni, entrambi questi processi durano all'incirca la stessa cosa. Più una persona diventa anziana, più veloci sono i processi di riassorbimento osseo.

Per ogni persona, la perdita annuale di tessuto osseo sotto i 50 anni è dello 0,5-1%, per una donna nel primo anno di menopausa, questa cifra è del 10%, quindi del 2-5%.

Cause dell'osteoporosi delle ossa:

  • peso ridotto;
  • ossa sottili;
  • bassa statura;
  • mancanza di esercizio;
  • genere femminile;
  • violazione del ciclo mestruale;
  • età avanzata;
  • casi familiari di osteoporosi;
  • l'uso di steroidi, antiacidi contenenti alluminio, tiroxina, eparina, anticonvulsivanti.

Cause dell'osteoporosi delle ossa che possono essere colpite:

  1. abuso di caffeina, alcool;
  2. fumare (è necessario liberarsi di questa cattiva abitudine il più presto possibile);
  3. assunzione inadeguata di vitamina D;
  4. ipodynamia - stile di vita sedentario;
  5. carenza di calcio nel corpo;
  6. mancanza di prodotti lattiero-caseari nella dieta;
  7. consumo eccessivo di carne.

Sintomi di osteoporosis di ossa

Il pericolo del quadro clinico è dovuto all'osteoporosi oligosintomatica o asintomatica. La malattia può essere mascherata come artrosi delle articolazioni o osteocondrosi spinale.

Spesso la malattia viene diagnosticata nel momento in cui compaiono le prime fratture.

Inoltre, queste fratture si verificano con lesioni minori o un semplice sollevamento pesi.

È difficile riconoscere la malattia nella sua fase iniziale, sebbene esistano i principali segni di osteoporosi alle gambe e alle braccia. Questi includono:

  • dolore alle ossa durante i cambiamenti climatici;
  • capelli e unghie fragili;
  • cambiamenti nella postura del paziente;
  • la distruzione dello smalto dei denti.

Il collo dell'anca, le ossa delle braccia e delle gambe, il polso e la spina dorsale soffrono maggiormente dell'osteoporosi. Come si manifesta l'osteoporosi nella fase iniziale? E questo accade approssimativamente come segue: nella colonna vertebrale lombare e toracica con sforzo prolungato, compare dolore, crampi notturni alle gambe, slouch senile (vedi foto), fragilità delle unghie, riduzione della crescita della malattia parodontale.

I sintomi dell'osteoporosi possono essere dolore regolare alla schiena, regione interscapolare, zona lombare.

Quando si modifica la postura, la presenza di dolore, ridurre la crescita è necessario consultare il proprio medico per la presenza di osteoporosi.

Diagnosi dell'osteoporosi ossea

La radiografia della colonna vertebrale per una diagnosi accurata non è adatta. L'immagine non sarà in grado di rilevare le forme iniziali e l'osteopenia. Non visibile sulle radiografie e una leggera perdita di massa ossea.

DEXA - Densitometria a raggi X a doppia energia - Osteodensitometria, densitometria a ultrasuoni, tomografia computerizzata quantitativa.

DEXA - diagnostica standard. Valutazione quantitativa della massa ossea - densitometria ossea. Vengono misurate la densità minerale ossea e la massa ossea. La differenza nella densità di massa ossea teorica di una persona assolutamente sana e la densità ossea in un paziente della stessa età è un indicatore di Z.

La differenza tra il valore medio nelle persone sane di quarant'anni e la densità ossea del paziente è un indicatore T. La diagnosi secondo le raccomandazioni dell'OMS viene effettuata sulla base dell'indicatore T.

Ragioni per condurre la densitometria:

  • anoressia, ipotrofia;
  • storia ereditaria;
  • indice di massa corporea insufficiente;
  • amenorrea a lungo ripetuta;
  • menopausa precoce;
  • carenza di estrogeni;
  • ipogonadismo primario;
  • insufficienza renale cronica;
  • trapianto di organi;
  • iperparatiroidismo;
  • ipertiroidismo;
  • Sindrome di Itsenko-Cushing (foto);
  • immobilizzazione prolungata;
  • ridotti livelli di testosterone negli uomini;
  • terapia con corticosteroidi;
  • spondiloartrite, artrite reumatoide delle braccia e delle gambe.

Per diagnosticare l'osteoporosi, i medici utilizzano marcatori biochimici: vitamina D, calcio, magnesio, fosforo, vari ormoni (ormoni paratiroidei, tiroide, estrogeni), marcatori di educazione (osteocalcina, peptide C procollagene e peptide N, fosfatasi alcalina ossea specifica ), marcatori di riassorbimento (deossipiridinolina, glicosidi idrossilina, piridinolina, fosfatasi acida resistente al tartrato, calcio).

Trattamento della degenerazione ossea

Il trattamento dell'osteoporosi è un problema piuttosto complicato. Si occupa di reumatologi, immunologi, neurologi, endocrinologi. È necessario raggiungere la normalizzazione del metabolismo osseo, prevenire la comparsa di fratture, rallentare la perdita di massa ossea, aumentare l'attività motoria, ridurre il dolore.

Trattamento etiologico - è necessario trattare la patologia di base che porta all'osteoporosi,

Trattamento sintomatico - sollievo dal dolore.

Trattamento patogenetico - farmacoterapia dell'osteoporosi.

Trattamento farmacologico

Gli estrogeni naturali sono farmaci per sopprimere il riassorbimento osseo: calcitonina, bifosfonati (acido zoledronico, risedronato, ibandronato, pamidronato, alendronato). Questi farmaci sono presi per molto tempo, per anni.

Nell'assumere farmaci c'è una differenza:

  1. una volta in 12 mesi (aklast);
  2. una volta ogni 30 giorni (buono);
  3. una volta in 7 giorni (ribis).

Farmaci che stimolano la formazione ossea - vitamina D3, sali di bioflavonoidi di fluoro, stronzio, calcio. Trattamento dell'osteoporosi delle ossa delle braccia e delle gambe prescritte da un medico!

È importante! L'osteoporosi è completamente impossibile da curare. È solo possibile ottenere un miglioramento del sistema scheletrico con i preparati di calcio e quei mezzi che influenzano l'assorbimento e l'assorbimento di questo elemento.

Trattamento della degenerazione ossea mediante dieta

Prima di tutto, per una corretta alimentazione, è necessario mangiare cibi ricchi di calcio e vitamina D. Questi includono:

Inoltre, l'esposizione al sole contribuisce anche alla produzione di vitamina D.

Esercitare la terapia per l'osteoporosi delle ossa delle braccia e delle gambe

L'attività fisica nell'osteoporosi dovrebbe consistere nel camminare, dando il massimo carico alle ossa delle gambe. Vale la pena notare che nuotare non contribuisce a questo. Ciò si spiega con il fatto che in acqua il corpo acquisisce leggerezza, quindi non ci sono carichi sulle ossa delle braccia e delle gambe.

Ecco un esercizio per rafforzare le ossa che devono essere eseguite sistematicamente:

Inginocchiandosi (le mani appoggiate sul pavimento, la schiena dritta), è necessario tirare lo stomaco e sollevare la mano destra, guardandola. Il petto dovrebbe aprirsi in questo momento, dovrebbe respirare uniformemente. La mano cade nella sua posizione originale. Quindi, lo stesso è fatto con l'altra mano. E così diverse volte.

Dopo la fine dell'esercizio, il bacino deve essere abbassato sui piedi, le braccia devono essere raddrizzate, la testa deve essere abbassata, il corpo deve essere rilassato mantenendo la respirazione regolare. Questo esercizio viene eseguito 2-3 volte a settimana. Si consiglia di combinarlo con un'alimentazione corretta e una mezz'ora di cammino.

Complicazioni della degenerazione ossea

Il più delle volte, le fratture sono le ossa radiali, le vertebre e il collo dell'anca. Secondo l'OMS, le fratture dell'anca (foto) hanno messo la distrofia ossea al 4 ° posto tra le cause di disabilità e mortalità.

La malattia riduce l'aspettativa di vita in media del 12-20%.

Una frattura vertebrale aumenta il rischio di fratture ricorrenti nello stesso punto diverse volte. Una lunga permanenza a letto a causa di lesioni diventa la causa di polmonite, trombosi e piaghe da decubito.

Trattamento o prevenzione

Per prevenire la malattia, è necessario mangiare cibi ricchi di calcio e vitamina D. La loro lista era elencata sopra. È necessario rinunciare a cattive abitudini (fumo, alcool) e limitare nella dieta caffeina e cibi contenenti fosforo (bevande dolci di carne rossa). L'attività fisica, al contrario, dovrebbe essere massimizzata.

Se c'è poca efficacia o incapacità di prendere le misure abituali per prevenire la malattia, i medici raccomandano di rivolgersi ai farmaci profilattici. Scegliere il farmaco giusto, infatti, non è così facile.

Il fatto è che dalla presenza di calcio da solo, il problema della sua carenza non può essere risolto. Il calcio è assorbito molto male. Pertanto, l'opzione migliore è la presenza nella preparazione di calcio e vitamina D.

Uno stile di vita sano e un regolare esercizio fisico moderato sono la chiave per rafforzare le ossa. Una e tutte le donne oltre i quarant'anni hanno bisogno di controllare la correttezza della loro ghiandola tiroidea. In caso di rilevamento di patologia - iniziare immediatamente il trattamento.

L'Associazione russa per l'osteoporosi conduce regolarmente visite mediche gratuite a pazienti a rischio di degenerazione ossea.

  • Allevia il dolore e il gonfiore delle articolazioni di artrite e artrosi
  • Ripristina articolazioni e tessuti, efficaci nell'osteocondrosi