Sindrome dell'articolazione sacroiliaca

Caso clinico
Ancora una volta squillò il telefono. Ma invece di fissare un appuntamento all'altro capo del tubo, si sentono singhiozzi continui. Sento solo 2 parole: ernia e chirurgia. Sto cercando di calmarti. Scopro che una donna ha 65 anni. In inverno, scivolando, cadde sui glutei. Le fratture in ospedale sono state escluse, ma il trattamento non aiuta. E oggi, sotto la politica OMS, la risonanza magnetica della sezione lombosacrale è stata eseguita gratuitamente. E lì, l'orrore, l'ernia. Chiedo ulteriormente Ho detto che se il dolore alla gamba non si arrende, allora l'ernia alla radice non preme, e un neurochirurgo non è necessario. Quella ernia del disco è in tutti, come le rughe sul viso, come i capelli grigi. Questi sono solo cambiamenti legati all'età nella colonna vertebrale. Singhiozzando si fermò, accettò di consultarsi.

Alla reception, una signora dalle forme magnifiche con una pronunciata piega nella colonna lombare, zoppicante quando cammina sulla gamba destra. Il dolore è locale, a destra del sacro. Quando si tenta di sedersi su una sedia, una donna tiene un punto dolente nella proiezione dell'articolazione sacro-iliaca destra con il palmo della mano. Si lamenta che per 3 mesi dopo l'autunno è diventato difficile sedersi a lungo, stare in piedi, piegarsi in avanti, indossare le scarpe, ma è particolarmente difficile camminare al piano di sopra e alzarsi da una posizione seduta. Ha vissuto con antidolorifici già da tre mesi e anche quelli stanno peggiorando sempre di più.

Un esame obiettivo
L'arto inferiore destro è circa 1,5 cm più corto della gamba sinistra. Normalmente, le gambe devono essere della stessa lunghezza e il bacino in posizione eretta deve essere rigorosamente orizzontale. La gamba anatomicamente breve dell'infanzia è comune, ma raramente qualcuno fa attenzione ad essa. Quando una gamba viene accorciata, si forma una scoliosi compensatoria nella regione lombare.

Il paziente ha una distorsione del bacino, l'asimmetria di tutte le protuberanze ossee e le pieghe della pelle dai talloni alla corona, la scoliosi della colonna vertebrale. Dolore alla palpazione nella proiezione del destro KPS, ma soprattutto spiacevole pressione sulla colonna vertebrale posteriore superiore. Fa male a una donna sedersi su una sedia e alzarsi da essa, gettare la gamba destra sopra la gamba sinistra in posizione seduta. Il muscolo a forma di pera giusto è doloroso e teso. Gamma di movimento ridotta nel giusto CPS.

Per la diagnosi sono sufficienti 3 test provocatori positivi con nomi complessi di nome dei loro autori (Patrick, Larrey, Sobrata, Gate, Stoddart, Mannell e altri). Nel nostro caso, tutti sono positivi.

Per confermare la diagnosi, ho effettuato un blocco diagnostico con 2 ml di lidocaina al 2%. Per scopi terapeutici, è possibile aggiungere immediatamente un corticosteroide, ma mi ha fermato il paziente in sovrappeso. Certo, è l'ideale per controllare l'accuratezza del colpire con l'aiuto dei raggi X, ma nelle mie condizioni è impossibile. Durante l'introduzione dell'ago provocò dolore "nativo". Quindi, identificato correttamente la fonte del problema. Il sollievo dal dolore dopo la somministrazione di anestetico ha anche confermato che l'attenzione al dolore è il CPS.

Questo è tutto. La diagnosi, come si suol dire, a portata di mano. Non è necessario essere pigri e vedere il paziente, non i risultati della risonanza magnetica.

L'esame supplementare è effettuato per non confermare la diagnosi, ma per escludere altre malattie con dolore in questa area.

  • Un esame del sangue per i test reumatici conferma il processo infiammatorio (sacroileite) nelle malattie reumatiche.
  • La radiografia esclude l'oncologia, la tubercolosi, le fratture ossee. Ma i problemi ossei sono meglio rilevati dalla tomografia computerizzata (CT).
  • La RM rileva un processo infiammatorio nella CRP (sacroileite) già in una fase precoce, esclude, come la TC, i tumori, le metastasi e altre terribili malattie.

Tutti hanno bisogno di fare una risonanza magnetica? E sì e no. La risonanza magnetica è un ottimo metodo di esame. Inoffensivo, informativo, che consente di escludere tutte le altre malattie più formidabili.

MA. Devi prima condurre una conversazione preventiva sulle possibili "scoperte". Dopo tutto, tutti dopo 30-40 anni ha l'ernia, ripeto, come le rughe sul viso, come i capelli grigi. Questi sono cambiamenti legati all'età nella colonna vertebrale. Non c'è ernia solo per coloro che non hanno fatto una risonanza magnetica. Altrimenti, come nel nostro caso, dopo l'esame, dobbiamo lavorare sia per uno psichiatra che per uno psicoterapeuta, spiegando al paziente le cause della malattia per un lungo periodo e insistendo e informando sui metodi di trattamento efficaci.

In pratica, mi imbatto spesso nel fatto che i medici di tutti i pazienti dopo una risonanza magnetica con ernia del disco vengono indirizzati per la consultazione a un neurochirurgo, alla neurologia con osteocondrosi, per prescrivere farmaci completamente non necessari. Di conseguenza, ottieni le "cronache" con la componente nevrotica.

Diagnosi differenziale:

1. Le fratture delle ossa vengono eliminate immediatamente dopo l'infortunio con i raggi X.

2. Le malattie reumatiche possono fare il loro debutto con il dolore in qualsiasi articolazione, incluso il sacro-iliaco. Per i processi infiammatori, la rigidità mattutina e il sollievo dopo un riscaldamento sono tipici. Nel nostro paziente, non esiste un'analisi del sangue per i test reumatici senza patologia: non ci sono dati per la sacroileite alla RM.

3. L'ernia del disco neurochirurgico, di regola, "salta" in pazienti relativamente giovani (fino a 35-40 anni). In caso di violazione della colonna vertebrale, il dolore si arrende sempre al piede. Solo 2 domande per telefono: "Quanti anni hai? E il dolore alla gamba? ", Permesso di escludere il conflitto disco-radicolare.
Se solo il lombo fa male, allora l'ernia sulla colonna vertebrale non preme.
I sintomi di perdita durante l'ispezione non sono stati rivelati. I riflessi sono uniformi, la forza muscolare nei piedi è sufficiente, non c'è un passo. Il piede non è intorpidito. L'ernia della risonanza magnetica è paramediana, senza compressione di alcuna radice. Sulla base di questo, è possibile pre-supporre un buon risultato del trattamento.

4. La sindrome di Facet (FS) e la disfunzione di KPS hanno molto in comune:

  • iniziare in pazienti di età superiore a 40 anni;
  • dolore unilaterale, può arrendersi;
  • sorgono dopo episodi di immobilità prolungata e diminuiscono con il movimento.
Ma con la sindrome delle faccette, a differenza della disfunzione KPS:
  • il dolore è localizzato su un lato della colonna vertebrale, sopra la proiezione del CRP;
  • il punto doloroso locale è determinato nella proiezione della faccetta e non nella colonna vertebrale posteriore superiore;
  • il dolore è alleviato iniettando anestetico locale nella faccetta e non nella CRP;
  • il dolore viene attivato inclinando il busto indietro in combinazione con la rotazione, piuttosto che alzarsi da una sedia.
5. Le metastasi tumorali o tumorali nell'osso causano dolore notturno, debolezza inspiegabile, drastica perdita di peso, alterazioni patologiche nelle analisi del sangue e sono visibili al 100% alla risonanza magnetica. Fortunatamente, questo non è il nostro caso.

6. In caso di coxartrosi, il dolore della regione inguinale si irradia lungo la superficie anteriore della coscia, provocata da movimenti rotazionali nell'articolazione dell'anca. Caratterizzato da un'andatura "a papera" con una zoppia tipica quando si cammina. La diagnosi è confermata da raggi X, risonanza magnetica o TC. Nel nostro caso, non ci sono indicazioni per immagini aggiuntive.

Trattamento della disfunzione KPS.
L'informazione corretta del paziente sulle cause della malattia con le parole magiche "artrosi, come in un ginocchio, ma non un'ernia", ha avuto un tremendo effetto psicologico con l'apparenza di un sorriso su un viso macchiato di lacrime.

Una donna deve eliminare l'asimmetria pelvica posizionando una soletta ortopedica con un'altezza del 30% della differenza nella lunghezza della gamba (1,5 cm 30% = 0,45 cm) sotto la gamba accorciata. Nelle farmacie ortopediche, con l'aiuto di un medico, è possibile ritirare suole pre-confezionate o ordinare le singole in un laboratorio ortopedico. È meglio avere più sottopiedi contemporaneamente in tutte le scarpe o stivali stagionali, e non spostare una sola scarpa da una coppia all'altra.

La nostra signora ha sicuramente bisogno di perdere peso. Per perdere peso, devi mangiare spesso, in piccole porzioni e prodotti "giusti". Ma questo è un argomento per un articolo a parte.
E muoviti. Il riposo a letto è vietato, è necessario mantenere il livello dell'attività giornaliera di routine anche nel periodo acuto. Esercizio terapeutico, smagliature, autoimmobilization è mostrato.

Per il dolore acuto, i farmaci anti-infiammatori non steroidei che sopprimono COX-1 e COX-2 a volte aiutano con i farmaci. Con il dolore cronico prolungato, i FANS non funzionano, poiché ci sono già altri mediatori dell'infiammazione. Spendere soldi per condroprotettore, vitamine, agenti vascolari, vari unguenti non ha senso. I rilassanti e il massaggio muscolare alleviano lo spasmo nei muscoli che circondano l'articolazione, ma anche loro non alleviano il dolore nella CRP.

La fisioterapia è solitamente inutile. Sì, e la terapia riflessa con l'irudoterapia ha un effetto molto debole, paragonabile al placebo. La terapia manuale è efficace in mani competenti. Ho superato la specializzazione primaria in terapia manuale nel 1991, ma non ho un certificato valido di specialista in questa specialità per ragioni oggettive. Ogni studio è troppo costoso, la conoscenza aggiunge un minimo e richiede molto tempo.

Articolazione sacroiliaca

Il sistema muscolo-scheletrico del nostro corpo funge da scheletro per tutti gli organi del corpo, li protegge dai danni, aiuta a mantenere la stabilità in una persona in posizione eretta, contribuisce all'attività fisica. Affinché una persona possa eseguire liberamente vari movimenti, le ossa sono interconnesse nelle articolazioni. Uno di questi composti è l'articolazione sacroiliaca. Cerchiamo di caratterizzare questo giunto in modo più dettagliato e consideriamo quali problemi si presentano più spesso.

Cos'è l'articolazione articolare

Un giunto è sempre due ossa. L'articolazione sacro-iliaca comprende anche due parti: l'ileo e il sacro. L'osso sacro si trova dove termina la colonna vertebrale. Le ossa iliache si trovano nella regione pelvica. L'osso sacro è come schiacciato nell'apertura tra le parti estese dell'ioum e collega la spina dorsale inferiore e la regione pelvica. Il sito in cui si verifica questa connessione è chiamato articolazione dell'osso sacroiliaco, è coperto da una capsula articolare.

Questo doppio giunto si trova su entrambi i lati del sacro. La stessa formazione ossea è piuttosto tesa e sedentaria. La forza della connessione delle ossa del bacino e della divisione sacrale è promossa dai legamenti che circondano l'articolazione su tutti i lati. Sono corti e resistenti allo strappo.

Lo scopo principale dell'articolazione sacroiliaca è quello di fornire stabilità all'unione della colonna vertebrale e del bacino durante la deambulazione e supporta anche il corpo in posizione seduta e partecipa alle inclinazioni del busto.

I nostri lettori raccomandano

Per la prevenzione e il trattamento delle malattie delle articolazioni, il nostro lettore abituale applica il metodo sempre più popolare di trattamento SECONDARIO raccomandato dai principali ortopedici tedeschi e israeliani. Dopo averlo attentamente esaminato, abbiamo deciso di offrirlo alla vostra attenzione.

Danni e deformazioni di giunture ossee così importanti comportano gravi conseguenze.

Tipi di danni alle articolazioni

Tra le lesioni dell'articolazione sacroiliaca, le seguenti sono le più comuni:

  • Infiammazione dell'articolazione o sacroileite. La malattia può essere infettiva e non infettiva.
  • Disturbo degenerativo o artrosi
  • Disfunzione dell'articolazione (quando le ossa dell'articolazione non si articolano correttamente tra loro).
  • Su ciascuno di questi tipi di danni dovrebbe parlare separatamente.

malattie sacro-iliaca

Lo sviluppo del processo infiammatorio nell'area KPS è chiamato sacroileite o artrite. Sulla base delle cause, le malattie possono essere classificate come segue:

  • L'artrite è un tipo infettivo. L'aspetto della sacroileite può essere causato dall'agente causativo di un'infezione specifica e non specifica. La prima opzione è possibile se infetti da sifilide, tubercolosi, brucellosi e altre malattie specifiche. L'artrite causata da una vasta gamma di flora patogena può essere attribuita alla seconda variante della sacroileite: streptococco, stafilococco, anaerobico e altri.

Sintomi di sacroileite

Salta l'infiammazione articolare dell'articolazione sacroiliaca è difficile. Prima di tutto, appaiono tali segni: sensazioni dolorose di diversa intensità. Aree di dolore: lombare, osso sacro, parte superiore della gamba, coscia. Quando si muove e si preme sul giunto, il disagio aumenta. Oltre al dolore, i pazienti possono manifestare un aumento di temperatura, brividi, intossicazione. Questo accade con lo sviluppo acuto della sacroileite.

A volte la malattia si verifica con sintomi lievi o si manifesta solo un leggero dolore nell'articolazione. Se non si inizia il trattamento della sacroileite nel tempo, questa condizione può trasformarsi in una forma cronica. Ciò porterà a una curvatura della colonna vertebrale, una violazione delle funzioni motorie dell'articolazione e della sua successiva distruzione.

L'artrite post-traumatica è caratterizzata da dolore molto acuto, che diventa più forte quando si effettua qualsiasi movimento. Un tale stato può essere causato da una caduta da una grande altezza, da uno sforzo fisico incontrollato, da gravi colpi durante un incidente stradale e da un duro lavoro.

osteoartrite

L'artrosi dell'articolazione sacroiliaca è intesa come una condizione che accompagna un lungo processo infiammatorio, porta a cambiamenti patologici nell'articolazione (appaiono osteofiti marginali - escrescenze ossee, la dimensione dello spazio articolare diminuisce, il disco cartilagineo collega le superfici delle articolazioni, ispessisce e indurisce). Prognosi: deformando l'artrosi provoca una graduale distruzione dell'articolazione. L'osteoartrite contribuisce alla restrizione delle funzioni motorie, si presenta in forma cronica.

L'artrosi delle articolazioni sacro-iliache si manifesta con dolore doloroso all'articolazione, una costante sensazione di disagio durante lo sforzo prolungato (camminare, ballare, posizione seduta prolungata). L'osteoartrosi può causare spinale durante la gravidanza. Artrosi delle articolazioni sacro-iliache, sintomi caratteristici: sia la regione sacrale che la parte superiore della gamba o i lombi possono ferire. Dopo un lungo periodo di riposo, i movimenti diventano limitati. I dolori notturni non sono caratteristici, in posizione supina, i sintomi spiacevoli scompaiono.

Disfunzione dell'articolazione sacroiliaca

Potenziali vittime di questa condizione:

  • Donne incinte In questo caso, i legamenti e il tessuto cartilagineo iniziano a rilassarsi e ammorbidirsi prima di dare alla luce sotto l'influenza di alcuni ormoni.
  • Persone anziane I cambiamenti nelle articolazioni sono associati alle caratteristiche dell'età dell'organismo.
  • Persone che trascorrono molto tempo in posizione seduta (lavorando al computer) o conducendo uno stile di vita inattivo.

Un segno di rottura del normale funzionamento dell'articolazione è dolore all'articolazione sacro-iliaca, lombare, inguine, articolazione dell'anca, nella regione del sacro. Di solito c'è la sindrome del dolore al mattino e scompare alla sera.

Come è la diagnosi delle malattie delle articolazioni sacro-iliache

Accanto all'articolazione sacroiliaca vi è un gran numero di articolazioni differenti. Tutti loro sono molto importanti e svolgono determinate funzioni. I danni a queste formazioni ossee hanno sintomi simili, quindi senza un esame speciale è difficile stabilire la causa esatta del dolore. Ad esempio, in alcuni casi, vengono rilevati pazienti con anomalie congenite (fusione della quinta lombare e prima vertebra sacrale) e iniziano a sentire dolore nella regione lombare con l'inizio dell'età adulta. Una corretta diagnosi è la chiave del successo del trattamento. Considera i metodi di diagnostica moderna delle malattie articolari:

  • Esame radiologico (radiografia dell'articolazione sacroiliaca).
  • Metodo di risonanza magnetica usato (risonanza magnetica delle articolazioni dell'articolazione sacroiliaca).
  • Esame ecografico (ecografia).
  • Tomografia computerizzata utilizzata (CT).

La diagnostica aiuta ad identificare, ad esempio, le seguenti patologie:

  • Aumentare la dimensione della cavità del giunto.
  • Sindrome costretto o scomparso gap articolare.
  • Distruzione di singole parti delle ossa sacrale e ileale.
  • Formazione di osteofiti marginali, aree compattate delle superfici delle articolazioni.

Per stabilire una diagnosi più accurata delle condizioni del paziente e quindi trattarlo correttamente, prescrivere un test di laboratorio: completare il test ematico e urinario, il test del sangue biochimico, la puntura di un'articolazione infiammata.

Viene anche utilizzato un metodo come il blocco diagnostico delle articolazioni dell'articolazione sacro-iliaca con anestetici (blocco temporaneo della sindrome del dolore).

Misure terapeutiche

Artrosi delle articolazioni sacro-iliache, trattamento in vari modi:

  • Farmaci (antinfiammatori, antibatterici, antidolorifici).
  • Fisioterapia (magnetoterapia, agopuntura, radiazione infrarossa, terapia fisica).
  • Massaggio terapeutico
  • Chirurgia - rimozione del pus dall'articolazione, introduzione di farmaci nell'articolazione.
  • Blocco medico (artrosi nella zona dell'articolazione sacroiliaca).

Per prevenire il verificarsi di problemi articolari, è necessario seguire alcune raccomandazioni:

  • Per prendersi cura di rafforzare l'immunità per la mobilitazione delle forze protettive nella lotta contro la malattia,
  • In tempo per eliminare i focolai di infezione nel corpo,
  • Evita di stare seduto in una posizione, fai regolarmente i riscaldamenti,
  • Quando si trasporta un bambino usare una benda di supporto.
  • Conduci uno stile di vita attivo, spostati di più.

Contattando un medico in modo tempestivo, è possibile evitare molti problemi. Grazie ai moderni metodi di trattamento e di diagnosi (ad esempio, la risonanza magnetica dell'articolazione sacroiliaca), la medicina riesce anche a trattare malattie così complesse come varie lesioni dell'articolazione sacroiliaca.

Il materiale video darà un'idea, per esempio, sulla procedura di somministrazione di farmaci periarticolari in uno dei centri medici della città di Cheboksary.

Spesso di fronte al problema del dolore alla schiena o alle articolazioni?

  • Hai uno stile di vita sedentario?
  • Non puoi vantarti della postura regale e cercare di nascondere la sua curva sotto i vestiti?
  • Ti sembra che questo presto passi da solo, ma il dolore si intensifica solo.
  • Molti modi provato, ma nulla aiuta.
  • E ora sei pronto per approfittare di ogni opportunità che ti darà una sensazione di benessere tanto attesa!

Esiste un rimedio efficace. I medici raccomandano Leggi di più >>!

Articolazione sacroiliaca: anatomia e malattie articolari

Per capire cosa sia l'articolazione sacroiliaca (CPS), e anche per capire perché è incline all'artrosi e ad altre malattie, daremo le spiegazioni minime necessarie sull'anatomia e la biomeccanica dell'articolazione ileosacrale.

Considerare anche le possibilità per la diagnosi e il trattamento delle malattie in quest'area.

Riferimento anatomico - quasi complicato

Prima di tutto, dovrebbe essere chiaro che ciò che a volte viene definito brevemente come un'articolazione non lo è affatto - non c'è scivolamento di una superficie sull'altra, fornendo una certa libertà e libertà di movimento.

Al contrario, la funzione delle giunture semiarticolari accoppiate tra l'osso sacrale e le sezioni iliache delle ossa pelviche è di mantenere una distanza estremamente ravvicinata tra loro. Con la ritenzione, tuttavia, di una certa libertà di essere separati gli uni dagli altri da una distanza estremamente ridotta in una situazione fisiologica così naturale come il parto. In nessun'altra posizione è inaccettabile l'indebolimento della connessione tra la colonna vertebrale (rappresentata dal sacro) e l'anello ad imbuto delle ossa pelviche.

Il fatto che queste siano esattamente le mezze articolazioni è indicato dalla presenza di superfici piatte, veramente articolate su tutte le strutture sopra, sopra ciascuna delle quali c'è una vera capsula articolare.

Oltre ai sacchi articolari molto corti ed estremamente tesi, la forza dell'articolazione sacro-iliaca è fornita da due file (uno su ciascun lato) di potenti legamenti sacro-iliaci, che sono essenzialmente non elastici e muscoli scheletrici che rafforzano ulteriormente l'anfiartrosi.

Quindi, grazie alla quasi solidità di queste due articolazioni, la superficie interna del "cuneo" sacrale, dietro l'incollaggio

La pelvi femminile e maschile differiscono in termini di anatomia

tra l'un l'altro, le ossa pelviche, senza alcuna transizione visibile, diventano la continuazione delle loro ampie superfici interne piatte.

E l'intera costruzione della zona ricorda molto un mestolo: il bacino è come attaccato alla spina dorsale mediante "saldatura-saldatura" nell'area del sacro. Crea un supporto affidabile e solido per lo scheletro e allo stesso tempo funge da contenitore per gli organi interni, senza ostacolare il loro movimento l'uno rispetto all'altro.

Quali malattie sono interessate dall'articolazione e perché?

In accordo con le caratteristiche anatomiche delle articolazioni ileosacrale (più spesso entrambe contemporaneamente) possono essere esposte alle stesse malattie e condizioni delle articolazioni reali e complete:

  • lesioni (sotto forma di legamenti lacerati nelle fratture delle ossa coinvolte o durante il travaglio complicato);
  • anomalie di struttura (carattere congenito);
  • degenerazione della cartilagine (a causa di artrosi);

Una frattura pelvica è la lesione più pericolosa con conseguenze non chiare.

Le malattie che si verificano frequentemente che colpiscono l'articolazione sacro-iliaca sono:

  • osteoartrite;
  • disfunzione articolare;
  • sviluppo di malattie sistemiche (psoriasi, sindrome di Reiter, spondilite anchilosante).

La natura generale della clinica e i sintomi specifici

I sintomi delle più comuni malattie che colpiscono l'articolazione sacroiliaca.

Clinica per l'osteoartrite

L'osteoartrosi è una patologia che si manifesta con la degenerazione del tessuto cartilagineo, che causa un cambiamento nella forma delle articolazioni sacro-iliache e una diminuzione della già limitata mobilità delle formazioni. La malattia è caratterizzata dal dolore sia nelle mezze articolazioni che nel sacro, che diventano più intense con uno stress significativo e una prolungata permanenza nella stessa postura (seduto, in piedi) o dal camminare. L'intensità del dolore nella posizione supina diminuisce, non si preoccupano di notte e al mattino il paziente si sente riposato.

Altre manifestazioni caratteristiche di articolazioni con un maggiore grado di mobilità, sotto forma di clic e scricchiolii in questo stato non sono osservate.

Com'è la sacroileite

L'infiammazione delle articolazioni sacro-iliache, che altrimenti viene chiamata sacroileite, è lo sviluppo dell'artrite della CRP con manifestazioni dolorose di vari gradi di intensità e con una vasta area della loro diffusione. Comprende l'intero fondo della schiena, l'intero sacro e anche i dolori che irradiano non solo l'area dei glutei, ma anche i fianchi e le gambe.

L'intensità delle sensazioni aumenta con la pressione sull'area di articolazione (o entrambi), con l'abduzione laterale o la rotazione della coscia, mentre si cammina, si accovaccia e si cambia posizione e, al contrario, si indebolisce in una posizione senza tensione, specialmente con gambe ridotte al corpo e piegate.

Molto caratteristica della camminata anatra sacrileite con spostamento.

L'infiammazione provocata da un'infezione (specifica o volgare) è solitamente unilaterale, con reumatismi o natura simile della malattia è bilaterale.

Oltre all'infezione, la base per l'insorgenza della malattia può essere un fallimento nell'attività del sistema immunitario (eziologia autoimmune) e un metabolismo sconvolto. Nella prima variante, la condizione è caratterizzata da "rigidità mattutina", l'aspetto del dolore notturno e prima dell'alba, una diminuzione della mobilità del segmento della colonna lombare.

Disfunzione articolare

Un'altra malattia molto comune della giunzione sacroiliaca è la sua disfunzione, che di solito si verifica nelle persone di mezza età o durante la gravidanza. Nel secondo caso, la patologia è dovuta agli effetti ormonali sul tessuto connettivo delle mezze articolazioni stesse e dei loro legamenti con un aumento della compliance del legamento.

Tra le persone di questa età, questa disfunzione in varie varianti rende fino al 53% di tutte le malattie con dolore nella parte bassa della schiena.

Le peculiarità delle manifestazioni dolorose in questi casi sono diversi gradi di intensità e condizionalità del momento della giornata - il dolore è massimo nella prima metà della giornata, con una diminuzione di notte. La loro localizzazione è l'area del sacro con possibile irradiazione all'articolazione dell'anca o nella coscia o nell'inguine.

Altre malattie

Una parte meno significativa nella struttura dell'incidenza è l'artrite di eziologia infettiva e danni dovuti a fratture pelviche con rotture di legamenti e capsule articolari a causa dei seguenti fattori:

  • incidente;
  • carichi di potenza eccessivi;
  • colpi;
  • cade da un'altezza considerevole;
  • a causa di interruzione del normale corso del lavoro.

Le manifestazioni del dolore nelle lesioni sono caratterizzate da una forza molto grande con un aumento ancora maggiore del dolore, sia quando si eseguono movimenti normali sia quando si cambia la postura.

Diagnosi e cronologia delle collezioni

Per determinare la gravità della disfunzione dell'articolazione sacroiliaca, sono stati sviluppati numerosi test e utilizzati, oltre al test di flessione, che include un test per:

Sono anche autorizzati i test di Mennel e Patick.

I seguenti metodi strumentali sono usati per diagnosticare le malattie dell'articolazione sacroiliaca:

L'uso di questi studi rivela non solo i segni radiologici (risonanza magnetica, TC) di una capsula articolare o frattura dell'osso pelvico, poiché forniscono un quadro chiaro della deformità della zona articolare o spostamento di una metà del bacino rispetto all'altro, ma cambia anche specifico per un particolare tipo di patologia.

Il processo di infezione dimostra l'espansione della cavità articolare, un quadro di riassorbimento sotto forma di una leggera diminuzione della densità della sostanza di tutte le ossa coinvolte vicino all'articolazione.

In caso di infiammazione causata dalla tubercolosi, la risonanza magnetica mostra aree di distruzione delle zone ossee adiacenti con perdita di chiarezza dei contorni articolari, o un'immagine di perfetta articolazione dello spazio articolare.

Lo stato normale delle articolazioni sulla radiografia

Per la degenerazione (oltre al restringimento dello spazio articolare), è caratteristica la presenza di compattazione dei tessuti delle superfici articolari e delle crescite degli osteofiti.

Uno studio sulla sacroileite autoimmune (oltre ai cambiamenti periarticolari in osteopenia e osteoporosi) rivela vari gradi di indurimento della cartilagine articolare. La posizione dello spazio articolare dipende dall'età del processo: all'esordio della malattia si espande, in un secondo momento si restringe, o ci sarà un quadro di anchilosi (fusione completa dei componenti delle superfici articolari).

La ragione e il grado di attività del processo infiammatorio ci permettono di giudicare i dati dei parametri di laboratorio:

  • QUERCIA (emocromo completo);
  • OAM (analisi delle urine);
  • esame del sangue biochimico;
  • fluido articolato puntuale.

La leucocitosi e il tasso accelerato di sedimentazione degli eritrociti nelle analisi dei bovini sono a favore della natura infettiva dell'infiammazione: l'individuazione del fattore reumatoide è a favore del reumatoide. Il pus, ottenuto dalla puntura dell'articolazione, rileva microbi, patogeni della patologia, per stabilire la spondilite anchilosante consente l'identificazione di HLA-B27.

Il blocco diagnostico con l'uso di anestetici contribuisce anche al riconoscimento dell'infiammazione delle articolazioni sacro-iliache e alla sua differenziazione da una patologia simile.

Artrosi articolazione ileosacrale

È una malattia cronica, di lunga durata, che si muove in transizione verso una esacerbazione.

L'osteoartrosi della colonna vertebrale lombosacrale si sviluppa secondo le stesse leggi, secondo le quali lo stesso processo avviene in altre articolazioni, caratterizzate dagli stessi segni: dolore, limitazione della libertà di movimento, funzione alterata degli organi vicini.

Esacerbazione del dolore si verifica a causa di episodi di ipotermia, sia a causa del sovraccarico delle strutture che formano l'articolazione, o della colonna vertebrale nel suo complesso. La sfera coperta dal dolore comprende non solo le articolazioni ileosacrali stesse, ma anche il sacro completamente, ma si nota anche il dolore durante la palpazione della colonna lombare e nella regione pelvica.

L'area delle articolazioni ileosacrali danneggiate dall'artrosi è indicata da una freccia su una risonanza magnetica

L'intensità della sindrome aumenta con l'aumentare dell'attività fisica (compresa la camminata veloce) o mantenendo la stessa posizione corporea per un lungo periodo e, al contrario, diminuisce in posizione prona, quindi la restrizione forzata della libertà di movimento aiuta a migliorare il benessere.

I dolori notturni per la malattia sono insoliti, così come lo scricchiolio e i "clic" tipici dell'artrosi delle altre articolazioni.

Il decorso cronico della malattia porta alla degenerazione del tessuto cartilagineo e ad un aumento della funzione di anfiartrosi, fino ad una forte restrizione della mobilità delle ossa l'una rispetto all'altra, il che non può che influire sull'andatura e sulla postura del paziente.

Approccio diagnostico

La diagnosi di artrosi sacro-iliaca si basa su:

  • studiando la storia della malattia;
  • esame del paziente con la conduzione di misurazioni antropometriche (compresa la determinazione della lunghezza di entrambi gli arti inferiori, valutazione dell'andatura, biomeccanica dei movimenti, tono e forza muscolare, ampiezza dei movimenti nella colonna lombare);
  • esame della palpazione dell'intera colonna vertebrale e della sua area sacrale;
  • svolgimento degli studi di laboratorio e strumentali necessari: analisi del sangue, radiografia (tomografia computerizzata) dell'area studiata, che consente di differenziare la malattia da sacroileite, osteomielite, lesioni e processo oncologico.

Per le donne, un esame ginecologico è obbligatorio.

Metodi di terapia

Il trattamento dell'osteoartrosi delle articolazioni sacro-iliache comprende l'uso dell'intera gamma di misure antinfiammatorie e di misure riabilitative, incluso l'uso di:

  • farmaci;
  • fisioterapia e massaggio;
  • modalità ortopedica.

L'assunzione di farmaci, effettuata sia per via orale che per via parenterale, comprende l'intero arsenale di fondi disponibili dai FANS agli analgesici narcotici.

Con forte dolore, i blocchi di farmaci che utilizzano idrocortisone, lidocaina, diprospan, kenaloga sono i più efficaci.

Al fine di ridurre l'intensità del dolore, gonfiore e infiammazione nella connessione, nonché per migliorare il tono muscolare e ampliare la gamma di movimenti nella colonna vertebrale, i metodi applicabili di fisioterapia, tra cui:

  • terapia laser;
  • La terapia UHF;
  • terapia magnetica;
  • uso di bagni di zolfo e di radon.

In assenza di controindicazioni, l'uso della terapia manuale e del massaggio per migliorare l'apporto di sangue dei tessuti e il loro trofismo, che aiuta a ripristinare la struttura del tessuto cartilagineo, è un importante aiuto nella guarigione.

Il trattamento dell'osteoartrite comporta l'esecuzione di movimenti in accordo con la loro biodinamica naturale. Seguire il regime ortopedico prescritto durante il periodo di esacerbazione della malattia richiede la necessità di contenere i movimenti con una ragionevole limitazione del grado di mobilità nella regione sacro-iliaca e allo stesso tempo di creare un supporto per la colonna vertebrale.

Ciò si ottiene indossando una fasciatura speciale per il fissaggio della colonna lombare, che consente di scaricare il segmento lombosacrale della schiena, soprattutto durante la gravidanza.

Le stesse funzioni sono intrinseche al corsetto lombare semirigido (che consente di ridurre il dolore, alleviare gli spasmi nei muscoli della zona glutea e alla schiena), se consigliato da un ortopedico che seleziona lo strumento individualmente e annulla il suo uso dopo che è stato rimosso.

Durante i periodi di esacerbazione dell'artrosi, limitare la durata della camminata ed evitare di stare seduti per ore.

Di conseguenza: conseguenze e prevenzione

In assenza di misure per il trattamento di malattie dell'articolazione sacroiliaca, è possibile provocare seri danni alla salute, che possono eventualmente portare ad una diminuzione del grado di mobilità della colonna vertebrale, nei casi più gravi incatenando il paziente a una sedia a rotelle.

Per evitare problemi, è necessario mantenere uno stile di vita scorrevole, il controllo del peso, prevenire lo sviluppo di infezioni croniche e il trattamento tempestivo di acuta. Se sorgono problemi in quest'area dello scheletro, è necessario ricorrere immediatamente all'assistenza medica da uno specialista (neuropatologo, terapeuta, vertebrologo o terapista manuale).

Nonostante l'apparente impotenza dei medici nell'affrontare le questioni relative alla colonna vertebrale, i moderni metodi di trattamento possono effettivamente aiutare milioni di persone in tutto il mondo oggi.

Artrosi delle articolazioni sacro-iliache: sintomi, diagnosi, trattamento

Il lombo è la parte più vulnerabile della colonna vertebrale. Più della metà delle lamentele di un neurologo o di un reumatologo sono associate a dolore lombare. Ogni anno questo indicatore diventa solo più alto, con una graduale crescita della percentuale di giovani con malattie spinali. L'artrosi delle articolazioni sacro-iliache può causare dolore nella zona lombare, che deve essere considerata quando si effettua una diagnosi. La malattia di solito si sviluppa negli anziani, così come l'artrosi può essere scatenata da lesioni, malattie infiammatorie, anomalie nello sviluppo del tessuto osseo. L'articolo presenta i sintomi principali, i metodi di diagnosi e il trattamento della malattia.

Caratteristiche anatomiche

L'articolazione sacro-iliaca è la giunzione tra spina dorsale e bacino, l'articolazione è accoppiata, situata nella parte bassa della schiena. Nella regione sacrale, le vertebre si fondono insieme formando un singolo osso. La superficie laterale del sacro è ricoperta da cartilagine ialina, che forma la superficie articolare. Ilio è strettamente connesso alle vertebre. L'articolazione è rinforzata con un gran numero di legamenti e una capsula.

Il volume dei movimenti nell'articolazione sacro-iliaca è minimo, le principali funzioni dell'articolazione sono le seguenti:

  • ridistribuzione del carico sul bacino, arti inferiori;
  • stabilizzazione del corpo in posizione seduta;
  • ruolo ausiliario nelle inclinazioni;
  • garantendo una posizione verticale stabile.

La cavità articolare ha una forma a fessura, è riempita con liquido sinoviale, che riduce l'attrito tra cartilagine, svolge una funzione ammortizzante e nutrizionale.

Cause di malattia

L'osteoartrosi dell'articolazione sacro-coccigea è più comune nelle donne, questo è facilitato dalle caratteristiche strutturali del sacro: è più corto e meno curvo che negli uomini. Altrettanto importanti sono la gravidanza e il parto. Durante questo periodo, il carico sul bacino, la spina dorsale, i frutti grandi possono causare la rottura dell'articolazione sacroiliaca.

L'osteoartrosi è una malattia degenerativa-distrofica, perché la causa principale della malattia è l'usura del tessuto cartilagineo con l'età.

Fattori di rischio per l'artrosi dell'articolazione sacroiliaca:

  • pesante sforzo fisico;
  • lesioni dei lombi, coccige;
  • attività professionali (caricatori, sollevatori di pesi);
  • gravidanza, parto (feto grande, pelvi stretti);
  • malattie infettive con danno alle ossa;
  • sollevare oggetti pesanti;
  • processi oncologici;
  • malattie autoimmuni.

Quadro clinico

La malattia si sviluppa gradualmente. Il paziente può lamentarsi di disagio o dolore alla schiena, che è aggravato da movimenti, rigidità, un crunch alla schiena. I sintomi dell'osteoartrosi delle articolazioni sacro-iliache non sono specifici, possono essere osservati nell'osteocondrosi, nella spondilite anchilosante, nelle ernie della colonna lombare.

Le principali manifestazioni della malattia:

  1. Il dolore al sacro o al coccige si verifica durante i movimenti, diminuisce a riposo.
  2. Nella regione lombare potrebbe esserci un leggero rigonfiamento dei tessuti.
  3. Il dolore, di regola, dà nel bacino, perineo, arti inferiori.
  4. La rigidità è causata da danni alle superfici articolari, spasmi dei muscoli riflessi.
  5. Il crepitio (crunch) nell'articolazione si verifica quando si piega, ruotando il corpo.
  6. Cambia andatura.

diagnostica

Oltre 15 malattie del sistema muscolo-scheletrico sono accompagnate da dolore nella parte bassa della schiena, rigidità dei movimenti, alterazione dell'andatura. Pertanto, il ruolo principale nella diagnosi dell'osteoartrosi dell'articolazione sacro-iliaca viene svolto mediante esame a raggi X. Test di laboratorio consentono di escludere malattie simili, per valutare le condizioni del corpo nel suo complesso.

Se si sospetta l'artrosi, devono essere condotti i seguenti studi:

  1. Analisi del sangue generale Quando si valutano i risultati si dovrebbe prestare attenzione al livello dei leucociti, tasso di sedimentazione eritrocitaria (ESR). Con l'osteoartrite, queste cifre non aumentano in modo significativo.
  2. L'analisi del sangue biochimica consente di valutare il lavoro del fegato, del pancreas, dei reni. L'aspetto delle proteine ​​della fase acuta indica lo sviluppo di un processo infiammatorio acuto.
  3. Nell'analisi generale di cambiamenti di urina, di regola, sono assenti.
  4. Il fattore reumatologico nell'artrosi non è definito.
  5. I livelli di acido urico sono normali.
  6. Esame a raggi X: il principale metodo di diagnosi dell'osteoartrosi dell'articolazione sacroiliaca. La costrizione dello spazio articolare, la sfocatura dei contorni delle ossa indicano la distruzione della cartilagine. Con la progressione della malattia nel quadro sono determinati la crescita ossea - osteofiti.
  7. La risonanza magnetica e la tomografia computerizzata vengono mostrate quando necessario per valutare la condizione dei legamenti, muscoli, tessuti molli o organi interni. Inoltre, questo studio viene eseguito prima dell'intervento chirurgico.
  8. L'esame ginecologico nelle donne è una fase importante della diagnosi, poiché in molte patologie ginecologiche il dolore può essere attribuito al sacro o al coccige.

trattamento

Quale specialista contattare se c'è dolore all'osso sacro? Il reumatologo si occupa della cura dell'osteoartrosi, se necessario, vengono nominate le visite di un neuropatologo, un chirurgo, un ginecologo.

Il trattamento dell'osteoartrosi delle articolazioni sacro-iliache deve essere iniziato quando compaiono i primi disturbi. Se nell'articolazione si sono formate escrescenze ossee, non è più possibile ripristinare completamente la funzione dell'arto, per rimuovere la sindrome del dolore. In questo caso, il trattamento è volto a ridurre i sintomi.

Ad oggi, il più efficace è considerato un approccio integrato alla gestione dei pazienti con artrosi. I principali metodi di trattamento sono presentati di seguito:

  • trattamento farmacologico;
  • fisioterapia;
  • esercizi terapeutici;
  • massaggio;
  • blocco.

Terapia farmacologica

Per il trattamento dell'osteoartrite, vengono utilizzati diversi gruppi di farmaci, il ruolo principale è assegnato ai farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). I farmaci possono essere somministrati sotto forma di compresse, iniezioni intramuscolari o endovenose, con marcati blocchi della sindrome del dolore. Il metodo di somministrazione del farmaco, la frequenza di somministrazione e il dosaggio indicano il medico dopo aver valutato le condizioni del paziente.

I principali gruppi di farmaci per l'artrosi:

  1. I farmaci antinfiammatori non steroidei sono i farmaci di scelta per la sindrome da dolore moderata. I FANS hanno effetto antinfiammatorio, analgesico, riducono il gonfiore dei tessuti. Con l'inefficacia della forma della pillola, vengono prescritte iniezioni intramuscolari. Fai attenzione! I farmaci in questo gruppo dovrebbero essere assunti dopo aver mangiato, in quanto causano irritazione della membrana mucosa del tubo digerente. I FANS sono controindicati nelle esacerbazioni acute della gastrite, nella malattia da ulcera peptica o in una storia di sanguinamento gastrointestinale. Al fine di proteggere gli organi digestivi, gli inibitori della pompa protonica (Omeprazolo, Rabeprazolo, Pantoprazolo) sono prescritti in parallelo con farmaci anti-infiammatori. Nell'artrosi dell'articolazione sacroiliaca, i seguenti farmaci hanno l'effetto analgesico più pronunciato: Meloxicam, Lornoxicam, Piroxicam, Ketoprofen, Ibuprofen, Diclofenac.
  2. I condroprotettori impediscono la distruzione del tessuto cartilagineo, contribuiscono al ripristino delle cellule danneggiate, migliorano la struttura della cartilagine. I farmaci in questo gruppo dovrebbero essere assunti per un lungo periodo di tempo, l'effetto appare dopo diversi mesi di somministrazione regolare di farmaci. La maggior parte dei condroprotettori comprende condroitina e glucosamina. Il medico può prescrivere i seguenti farmaci: Dona, Arthron, Mukosat, Struktum, Teraflex.
  3. I rilassanti muscolari svolgono un ruolo di supporto. Una contrazione riflessa dei muscoli è osservata nel sito di danno cartilagineo, questo è un tipo di reazione protettiva del corpo al dolore. Di conseguenza, il flusso sanguigno nel sito di infiammazione è disturbato, i tessuti ricevono quantità insufficienti di ossigeno e sostanze nutritive. Rilassanti muscolari sono in grado di alleviare lo spasmo muscolare, ripristinare la circolazione sanguigna. Oggi il Mydocalm più utilizzato.
  4. I glucocorticosteroidi (Metipred, Medrol, Kenalog, Diprospan) sono indicati con l'inefficacia di tutti i mezzi sopra citati. I farmaci sono prescritti in breve tempo a causa di effetti collaterali pronunciati.
  5. Le vitamine, mezzi per migliorare il flusso sanguigno, svolgono un ruolo di supporto nel trattamento dell'artrosi del coccige.

blocco

Nella sindrome da dolore grave, l'inefficacia del trattamento conservativo, il medico può prescrivere un blocco con lidocaina, diprospan o idrocortisone. Il farmaco viene iniettato il più vicino possibile all'articolazione, dopo la procedura, il dolore e l'infiammazione si riducono, la persona può muoversi liberamente. Controindicazioni al blocco possono essere rash pustoloso sulla pelle, gravidanza, marcate anomalie del tessuto osseo nella regione sacroiliaca.

Procedure fisioterapeutiche

Posso visitare la fisioterapia all'artrosi? Gli esperti dicono che la fisioterapia sarà di beneficio solo se segui alcune regole:

  • il trattamento fisioterapico è prescritto nel periodo di remissione, mentre l'esacerbazione della malattia, il viaggio al fisioterapista dovrebbe essere posticipato;
  • Prima della procedura, è necessario effettuare un ECG, controllare il lavoro del cuore, in caso di insufficienza respiratoria, cardiaca o renale grave, è vietato visitare la sala di fisioterapia;
  • Prima del trattamento, il medico deve essere avvisato della presenza di placche o viti metalliche nel corpo, di un pacemaker o di altri corpi estranei;
  • alta temperatura corporea, storia di epilessia, eruzione pustolosa sulla pelle sono controindicazioni assolute.

Le procedure fisiche sono prescritte nei corsi, la durata media del trattamento è di 10-12 sedute. I più efficaci per l'artrosi dell'articolazione sacroiliaca sono le seguenti manipolazioni:

  • terapia magnetica;
  • elettroforesi con farmaci analgesici e antinfiammatori;
  • terapia ad onde d'urto;
  • ultrasuoni.

Terapia fisica

Durante il periodo di esacerbazione, si raccomanda di limitare qualsiasi attività motoria. Lunghe passeggiate, ciclismo, sport attivi sono proibiti, è anche necessario ridurre il tempo trascorso in posizione seduta. Per proteggere al massimo la zona lombare dallo stress, vengono utilizzati i corsetti ortopedici. Molte bende hanno nervature di irrigidimento, che ti permettono di scaricare i muscoli della schiena, ridurre la pressione sulle articolazioni.

Fai attenzione! Il corsetto deve essere selezionato individualmente in un negozio appositamente attrezzato. Acquista una benda dovrebbe essere solo dopo il montaggio.

Si consiglia di indossare una cintura alcune ore al giorno, il corsetto viene rimosso durante il sonno.

Durante il periodo di recupero, i medici raccomandano di fare fisioterapia. Il miglior sport per l'osteoartrosi dell'articolazione sacroiliaca è il nuoto o lo yoga. Se non puoi andare in piscina o in palestra, puoi farlo a casa.

Eseguendo regolarmente semplici esercizi, puoi ottenere i seguenti effetti:

  • rafforzare il sistema muscolare prevenendo l'atrofia muscolare;
  • aumentare il flusso sanguigno nella regione lombare;
  • aumentare la mobilità nell'articolazione danneggiata;
  • rendere la capsula più elastica, legamenti.

Tutti i movimenti dovrebbero essere lisci, è vietato fare curve strette, curve, salti. Prima delle lezioni si raccomanda di riscaldarsi, massaggiare o fare una doccia calda. Questo ti permette di portare i muscoli in tono, aumentare la circolazione del sangue in loro.

Esercizi di base per l'osteoartrosi delle articolazioni sacro-iliache:

  1. Le mani devono essere messe in vita, poi lentamente iniziano i movimenti rotazionali con il bacino, dopo un minuto si consiglia di cambiare la direzione dei movimenti al contrario. Tempo di esercizio - 2 minuti.
  2. Posizione - sdraiati sulla schiena, braccia lungo il corpo. Il paziente solleva lentamente il bacino, rimane in questa posizione per 5 secondi, si abbassa sul pavimento. Hai bisogno di fare 15 ripetizioni.
  3. Posizione - la precedente, gambe piegate alle articolazioni del ginocchio, i piedi si appoggiano sul pavimento. Due mani dovrebbero fare il grippaggio di un ginocchio, tirarlo lentamente verso il petto, indugiare in questa posizione, abbassare la gamba sul pavimento. Ripeti l'esercizio con l'altra gamba. Il numero di ripetizioni - 15.

È necessario mettersi a quattro zampe nella posizione del ginocchio-gomito. In primo luogo, il paziente piega il dorso il più possibile, quindi lo arrotonda. Ripeti l'esercizio dovrebbe essere 15 volte.

Sindrome dell'articolazione sacroiliaca (CPS): che cos'è? cause, sintomi, diagnosi, trattamento del dolore nell'area dell'articolazione sacro-iliaca

nbsp Oltre il 90% della popolazione ha sperimentato uno o più casi di dolore alla schiena durante la loro vita. Il danno economico causato dal trattamento di persone con mal di schiena nei paesi industrializzati sta guadagnando un gran numero e si sta facendo da protagonista tra le patologie delle persone normodotate. Al momento, è dimostrato che l'articolazione sacro-iliaca è indicata dalla causa del dolore nel 15-30% delle persone con dolore cronico nella parte inferiore della colonna lombare (POP). Fino al 70% dei casi di malattie degenerative-distrofiche trattate senza successo della STD sono associate a un'omissione della patologia della CRP.

Anatomia dell'articolazione sacroiliaca

Il CPS nbsp sembra essere l'articolazione sinoviale che è formata dalle superfici articolari del sacro e dell'ileo. La superficie articolare del sacro è ricoperta di cartilagine ialina e le ossa iliache con cartilagine fibrosa. La superficie articolare del sacro ha una forma caratteristica, simile nella forma al padiglione auricolare, che racchiude irregolarità sulla sua superficie, che sono collegate alle corrispondenti irregolarità della superficie articolare dell'ileo. Il CPS termina nella parte inferiore della vertebra S2.

nbsp Le superfici articolari sono tenute insieme da un complesso di legamenti e muscoli, che mantengono la stabilità della CRP, fornendo allo stesso tempo l'opportunità di produrre una quantità adeguata di movimento. Di conseguenza, il CRP dovrebbe essere percepito come un sistema di componenti intra- ed extra-articolari, il danno di uno dei quali porta alla formazione della sindrome del dolore. L'innervazione della CRP avviene attraverso i rami laterale e mediale delle radici L4-S3 e i rami anteriori del L5-S2 nel plesso sacrale. La vascolarizzazione della parte anteriore della CPS si verifica dall'arteria iliaca, dall'arteria ileo-lombare e dai rami dell'arteria iliaca interna e dalla parte posteriore, dalle arterie glutea superiore e inferiore.

Patogenesi della disfunzione di CPS

nbsp Sistema funzionale - CPS, articolazioni dell'anca (TBS) e segmento del motore luminale L5-S1 formano un sistema complesso. Un gran numero di interconnessioni consente a questo sistema di funzionare nel suo complesso. La violazione all'interno di un'articolazione o articolazione porta a disfunzioni dell'intera linea biomeccanica. Successivamente, la biomeccanica disturbata dei movimenti porta alla deformazione delle articolazioni, che porta irreversibilmente alla rottura della biomeccanica dei movimenti. Nei casi in cui la funzione di tutti i componenti è compromessa, si verificano gravi disturbi funzionali nella biomeccanica del movimento. Svolge un ruolo importante per la percezione della patologia e per la creazione di uno schema di trattamento per le malattie di CRP, POP e TBS, tenendo conto di uno o tutti gli elementi del sistema.

nbsp Fattori che portano alla formazione della disfunzione CPS (sindrome):

  • - infortunio (soprattutto cadendo sui glutei)
  • - età (preferibilmente vecchiaia e giovani atleti);
  • - asimmetria della lunghezza della gamba;
  • - anomalie della struttura, dell'andatura, della postura e della biomeccanica (scoliosi, spondiloartrosi, aumento dell'angolo della giunzione lombosacrale, inattivazione dell'arco L5 della vertebra, spondilolistesi, cambiamenti nell'equilibrio pelvico-pelvico);
  • - stress prolungato e microtrauma (jogging, salto, carichi statici prolungati, ecc.);
  • - gravidanza e parto nell'anamnesi;
  • - Procedure chirurgiche sulla colonna vertebrale nella storia.

nbsp La gravidanza può causare disfunzione del KPS a causa dell'aumento di peso, aumento della lordosi POP, dilatazione dei muscoli e dei legamenti, distorsione e lesioni pelviche durante il parto. L'asimmetria della lunghezza degli arti inferiori provoca dolore a causa dell'aumento del carico sulla tensione di compressione KPS. Gli interventi chirurgici posticipati sulla colonna vertebrale, in particolare le fusioni spinali e il blocco del segmento spinale-motore L5-S1, portano ad un aumento del carico dovuto al riarrangiamento della biocinematosi della colonna vertebrale.

Quadro clinico

nbsp La clinica della lesione KPS è molto variabile. Il dolore sembra essere il sintomo più frequente di questa malattia, a volte vengono registrati rigidità, crampi e sensazione di bruciore nell'area del CRP. Il dolore con la sindrome di KPS può avere una posizione variabile. Nel 94% dei casi, la sindrome del dolore è fissata nell'area dei glutei, nel 72% - nella parte inferiore del POP.

nbsp Nel 50% dei pazienti, si osserva una combinazione dei suddetti sintomi con la diffusione del dolore agli arti inferiori, incluso il 28% con irradiazione al di sotto delle articolazioni del ginocchio (CS) e il 12% nei piedi. Nel 14% delle persone, il dolore nell'area inguinale è registrato, nel 2% - nell'area della parete addominale anteriore. Slimetal S. ha trovato una correlazione statisticamente significativa della radiazione del dolore dall'età. Nelle persone di età inferiore ai 40 anni, il dolore era più spesso irradiato al CS, mentre negli anziani si diffondeva principalmente ai glutei.

nbsp Il dolore nella patologia della CRP non si irradia mai verso l'alto, specialmente sopra la vertebra L5. L'intensità del dolore aumenta con la verticalizzazione del corpo, piegando, salendo le scale, seduti o in piedi prolungati. Il dolore in posizione eretta e in piedi di solito diminuisce. Nella sindrome KPS, non vi sono sintomi neurologici e deviazioni dalla norma mediante esame strumentale e di laboratorio.

nbsp Una zona del dolore con una dimensione media di 3 × 10 cm, che si trova sotto la spina iliaca posteriore superiore (la cosiddetta zona Fortin - area Fontin), è più caratteristica del CPS.

diagnostica

nbsp Il valore diagnostico aumenta con i test provocativi (PT). Tutti i PT, caratteristica per KPS, mostrati nella tabella.